Alla Casa della Musica omaggio a Franz Liszt

Sabato 22 ottobre un concerto e una mostra ad ingresso gratuito per il bicentenario della nascita del compositore

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il 22 ottobre del 1811 nasceva a Raiding - (che allora si chiamava Doborján, e in croato Rajnof) un comune di 837 abitanti che a quei tempi era Ungheria e che dal 1920-21 è austriaco della regione del Burgenland - Franz (Ferenc) Liszt, uno dei più grandi compositori romantici e il più leggendario pianista di tutti i tempi. Anche la Casa della Musica prende parte alle molte manifestazioni che si svolgono quest’anno per celebrare questo importante anniversario, e proprio il 22 di ottobre prossimo ospiterà un concerto e una piccola mostra, organizzati col patrocinio del Comune di Parma-Assessorato alla Cultura, Istituzione Casa della Musica, Ambasciata della Repubblica di Ungheria in Roma, Consolato Onorario della repubblica di Ungheria in Bologna, Associazione Culturale Italo-Ungherese in Bologna. Momento centrale dell’incontro, che si svolgerà ad ingresso libero alle ore 21 presso la Sala dei Concerti della Casa della Musica, sarà il concerto del pianista ungherese Bálint Zsoldos, che eseguirà un programma di grandissimo impegno e di forte richiamo proponendo alcune delle pagine più importanti del gigantesco opus lisztiano per pianoforte solo, introdotte da una conversazione di Mariateresa Storino della Fondazione Istituto Liszt di Bologna: tre composizioni dalla Première anée (Suisse), di Années de Pèlerinage, la Parafrasi dalla Polonaise dell’Eugenio Onegin di Čaikovskij, il Windmung di Schumann Liszt, le Reminiscences de Norma, e infine la Rhapsodie hongroise n. 15 (Ràkoczy-Marsch). Nato a Budapest, Bálint Zsoldos ha iniziato gli studi di piano all’età di 9 anni presso l’Accademia di Musica Ferenc Liszt, dove ha conseguito il diploma “summa cum laude” nel 2002. Ha effettuato recitals per piano solo in Europa (al Concertgebouw di Amsterdam, alla Sala Rachmaninov di Mosca, al Mozarteum di Salisburgo, al Festival d’Estate di Santander e ha suonato sotto la direzione di importanti direttori e artisti quali Dimitri Bashkirov, Lazar Berman, John Perry e György Sebők. Nel 2003 e 2004 ha conseguito il diploma Annie Fischer del Governo Ungherese. Ha registrato numerosi concerti con la Radio-tv di Stato ungherese e con l’ORF (Austria). Il suo repertorio copre un ampio raggio di stili differenti per piano e musica da camera, dal barocco al contemporaneo. Ulteriore motivo d’interesse a questo omaggio lisztiano è che in concomitanza con il concerto, nel corridoio del primo piano della Casa della Musica sarà allestita una piccola mostra itinerante dal titolo “Ferenc Liszt ungherese ed europeo 1811-1886”. Si ricorda che l’incontro è ad ingresso liberamente aperto a tutti gli interessati.   Altre informazioni sull’attività della Casa della Musica su www.lacasadellamusica.it

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento