Degrado in Oltretorrente: il sindaco vuole il presidio dell'esercito

Il primo cittadino ha chiesto al prefetto la convocazione straordinaria del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica. E in merito agli arredi di piazzale Inzani: "Stiamo valutando di spostarli"

Il sindaco Pietro Vignali

Il Sindaco Pietro Vignali annuncia di avere scritto una lettera per chiedere al prefetto la convocazione straordinaria del Comitato per l'ordine e la sicurezza  pubblica, in riferimento alla situazione dell'Oltretorrente, dove stanno emergendo fenomeni di una certa gravità in relazione all'ordine pubblico.
 
"Inoltre - spiega il Sindaco -  stiamo lavorando, d'intesa con  Questura e  Prefettura, perché  il presidio dell'esercito possa concentrarsi  in particolare sull'Oltretorrente, in considerazione della situazione che si è venuta a creare. Stiamo valutando inoltre altri interventi, come lo spostamento della struttura in legno di Piazzale Inzani: è una riflessione che facciamo a malincuore, visto che si tratta di un arredo utile pensato per i residenti, ma è necessaria, alla luce dei comportamenti e dei fenomeni di degrado che si sono verificati".
 
Anche l'assessore alla Sicurezza Fabio Fecci è impegnato su diversi fronti per contrastare i fenomeni  di degrado che si stanno verificando in Oltretorrente.
"Sempre nell'ottica di una proficua collaborazione, d'intesa con la  Prefettura e la  Questura - spiega l'Assessore - ognuno per le proprie competenze specifiche, abbiamo intensificato i controlli nella zona. Da parte nostra, già da diversi giorni, abbiamo potenziato il numero delle pattuglie nell'area dell' Oltretorrente, con particolare riferimento a piazzale Inzani, Picelli e via Imbriani. Inoltre nei prossimi giorni si terrà un altro  tavolo tecnico per definire e coordinare  la pianificazione dei prossimi interventi".
 
Come è noto, inoltre, sono tornate le ordinanze sindacali contro la prostituzione, il consumo di alcol e il degrado.
Di carattere necessariamente temporaneo e sperimentale, dopo lo stop della Corte Costituzionale dei mesi scorsi, hanno sostituito le ordinanze stabilite in passato.

“Abbiamo ripristinato le ordinanze -  osserva  Fecci - trasformandole in contingibili e urgenti per rispettare la sentenza della Corte Costituzionale attraverso una sperimentazione di un mese".
“Appare chiaro che lo strumento dell’ordinanza – continua l’assessore alla Sicurezza -, non  costituisce  la soluzione delle problematiche, ma  rappresenta  un utile strumento da affiancare a quelli già in possesso delle forze di Polizia, che permette di contrastare quegli episodi che si configurano per lo più come fenomeni di degrado urbano e disagio sociale segnalati ripetutamente dai cittadini. L'assenza delle ordinanze nel periodo estivo ha dimostrato che esse se non decisive, sono comunque un valido deterrente che determina l'attenuazione di questi fenomeni”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento