Laghi del Sillara, escursionista 76enne colto da malore nella notte: recuperato con l'elicottero all'alba

Attrezzato di sacco a pelo ma sprovvisto di cibo e acqua fresca, l'uomo ha passato la notte all'addiaccio; intorno alle 2.30 della notte, però, l'escursionista - già cardiopatico - ha accusato un forte dolore al petto che lo ha convinto a chiamare i soccorsi

L'elicottero Pegaso che ha recuperato l'escursionista

Difficile intervento notturno per gli uomini della Stazione Monte Orsaro del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico, che nella notte tra venerdì 28 e sabato 29 luglio sono stati attivati per soccorrere un uomo colto da malore in località Laghi del Sillara, pochi metri sotto l'elevazione più alta della provincia di Parma. L'escursionista – un settantaseienne milanese – era partito giovedì da Berceto per un'escursione in solitaria lungo il crinale tosco-emiliano. Nella notte di giovedì 27 agosto aveva dormito a Bosco di Corniglio, ripartendo di prima mattina alla volta del Rifugio Prato Spilla, attraversando il crinale appenninico. Proprio a causa delle difficoltà nell'attraversare il tratto sottostante il Monte Rocca Pumaccioletto, l'escursionista ha accumulato ritardo sulla propria tabella di marcia avvisando il rifugio – all'imbrunire – che si sarebbe accampato per la serata nei pressi dei Laghi del Sillara. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attrezzato di sacco a pelo ma sprovvisto di cibo e acqua fresca, l'uomo ha così passato la notte all'addiaccio; intorno alle 2.30 della notte, però, l'escursionista – già cardiopatico – ha accusato un forte dolore al petto che lo ha convinto a chiamare i soccorsi. Subito la Centrale Operativa 118 ha attivato il Soccorso Alpino, che è celermente giunto sul posto con dodici tecnici, ai quali si sono uniti i Carabinieri della Stazione di Palanzano, uomini del Corpo Forestale dello Stato, la Croce Rossa di Monchio e una squadra dei Vigili del Fuoco. Dopo alcune ore di difficile perlustrazione nel bosco (il contatto telefonico era nel frattempo decaduto per la batteria del cellulare dell'escursionista scarica) gli uomini del SAER hanno individuato il settantaseienne, stanco e spaventato, ma cosciente. Da Massa-Cinquale, con le prime luci dell'alba,  si è levato in volo l'elisoccorso Pegaso, dal quale è stata sbarcata l'equipe sanitaria. Dopo una breve valutazione sul posto, il medico ha optato per il ricovero presso l'ospedale di Pisa, dove l'uomo è stato ricoverato in condizioni che fortunatamente

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento