menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I Nac di Parma

I Nac di Parma

False Dop e Igp: i Nac di Parma sequestrano merce per 240mila euro

Il Nucleo Antifrodi dei Carabinieri ha ritirato dal mercato 12.500 chili di prodotti e ha comminato sanzioni per 20mila euro. Denunciate 11 persone per contributi illegalmente richiesti alla UE

Nella stagione estiva, in particolare nello scorso mese di agosto, i NAC di Parma hanno avviato controlli straordinari a tutela dei consumatori sulla qualità alimentare.
In particolare il Nucleo Antifrodi Carabinieri di Parma ha proceduto a controlli e verifiche nel comparto agro-alimentare riscontrando diverse irregolarità specie sulle produzioni DOP/IGP operando sequestri per 240.000 euro di valore e contestando sanzioni amministrative per 20.000 euro.
L’attività di verifica ha riguardato anche il contrasto alle frodi e alle truffe in danno dell’Unione Europea, con la denuncia di 11 persone e l’accertamento di circa 310.000 euro di contributi comunitari illegalmente richiesti.

In provincia di Lecco, sono state sequestrate false cipolle di Tropea Calabria Igp sottaceto. Gli accertamenti svolti hanno consentito di appurare che si trattava di cipolle rosse comuni. Il titolare è stato deferito all’A.G. per  Contraffazione di Indicazione Geografica e Denominazione di Origine, l’art. 517 quater il reato del Codice Penale recentemente introdotto a tutela dei prodotti tipici nazionali.
Tutto il prodotto, in confezioni da kg. 2,5, era destinato alla ristorazione ed alle mense.

Le attività hanno consentito di sequestrare anche altri prodotti analoghi (sottaceti) che recavano in etichetta indebitamente l’uso della denominazione “aceto balsamico” (evocativa delle rispettive denominazioni ed indicazioni geografiche), senza avere alcuna autorizzazione dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
Nel complesso sono stati sottoposti a sequestro 11.500 kg di prodotto per un valore complessivo di 230.000 euro.
Durante le operazioni sono state sequestrate anche decine di migliaia di etichette pronte per essere utilizzate e migliaia di confezioni già etichettate e pronte per il commercio.

In provincia di Bologna e di  Bergamo presso alcuni laboratori alimentari sono stati sequestrati complessivamente 1.000 kg di paste alimentari (penne e tortelli) che indicavano impropriamente ed in maniera evocativa formaggi DOP, senza la preventiva autorizzazione dei relativi Consorzi di tutela e comminato sanzione amministrative per euro 15.000.
    
In provincia di Cuneo, a seguito di numerose visite ispettive svolte nel settore dell’agricoltura biologica sono stati denunciati all’AG per falso un agricoltore ed un tecnico ispettore dell’organismo di certificazione “biologico” per aver redatto verbali attestanti false visite ispettive.

In provincia di Pavia, presso un oleificio si è proceduto alla contestazione di una sanzione amministrativa per euro 10.000 per irregolarità nella tenuta di magazzino.

I NAC ricordano agli operatori del settore ed ai consumatori che possono  inoltrare richiesta di informazione o segnalazioni di sospetta irregolarità alla casella di posta elettronica ccpacdo@carabinieri.it, oppure contattare il numero verde 800 020320 del Comando Carabinieri Politiche Agricole  attivo 24 ore su 24 .
Per informazioni generali i consumatori possono consultare il sito istituzionale del Reparto sul link https://www.carabinieri.it/Internet/Cittadino/consigli/tematici/. Per i casi più gravi e urgenti il cittadino può sempre rivolgersi ad una delle oltre 4600 Stazioni Carabinieri diffuse su tutto il territorio nazionale.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento