menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidenti stradali, nel 2011 'solo' 35 morti: ma gli scontri aumentano

Calano i decessi sulle strade del parmense: il minimo storico dal 1995 quando erano ben 103. Gli incidenti sono 1.749 (+5,7%) e coinvolgono per lo più gli uomini nella fascia d'età 45-64 anni

Calano del 10,3% rispetto al 2010 i decessi per incidenti stradali arrivando così a segnare il minimo storico, dal 1995 ad oggi, passando da 103 a 35. Sono confortanti i dati che arrivano dal report annuale presentato questa mattina in Provincia, un’analisi dei sinistri avvenuti nel 2011 sulle strade di Parma e del Parmense rilevati da tutte le forze dell’ordine e raccolti dall’Ufficio statistica dell’Ente di piazza della Pace.

“Il report ci offre un quadro positivo, basta vedere che dal 2001 al 2011 è dimezzato il numero di morti sulle nostre strade. Un risultato raggiunto grazie a diversi fattori: a una maggiore sensibilità delle persone che si mettono alla guida, a controlli più numerosi delle forze dell’ordine e a una migliore gestione delle emergenze da parte dei Vigili del fuoco e del 118 – ha detto l’assessore provinciale alla Viabilità Andrea Fellini -. Anche la Provincia, nonostante le ristrettezze economiche, ha investito e continua a investire per la sicurezza stradale: nel 2011 abbiamo ad esempio investito 5milioni di euro nella manutenzione delle strade e 500mila euro sono state destinate al miglioramento della segnaletica orizzontale e verticale”.

Dal confronto con le altre realtà vicine, come ha spiegato Gian Marco Baroni dell’Ufficio Statistica della Provincia di Parma presentando i dati, quella di Parma nel 2010 risulta essere la migliore in assoluto in Emilia-Romagna con 376 incidenti ogni 100.000 abitanti, e nel 2011 il rapporto è di 394 (per il 2011 non disponiamo ancora dei dati delle altre province). A circolare sono 363.314 (+1%) con un forte aumento dei motocicli: 46.250 con 2.7% in più rispetto all’anno precedente.
 
Sempre in ambito regionale, se si analizza il numero di morti ogni 100.000 residenti per l’anno 2010, la provincia di Parma si attesta al quarto posto, con 8.9 decessi ogni 100.000 abitanti. Nel 2011 questo indicatore cala notevolmente, a 7.9 decessi ogni 100.000 abitanti. Dal 2001 al 2011 le vittime sono dimezzate, riuscendo così a raggiungere anche l’obiettivo fissato dall’Unione Europea di riduzione del 50% dei decessi dal 2000-2010. Le tipologie di incidenti che causano più decessi sono le fuoriuscite di strada (9 vittime), seguiti dagli scontri frontali-laterali (7), i tamponamenti (6) e scontri frontali (6). Al contrario di quanto si possa pensare, il numero maggiore di morti si trova nelle notti della settimana, e non nel week end. Ad essere più colpita è la fascia di età dai 45 ai 64 anni, ma è alto anche il numero di decessi tra gli anziani (dai 65 anni), e si tratta prevalentemente di maschi (31 morti su 35 erano uomini).
 
Per quanto riguarda le strade provinciali, si rileva lo stesso numero di decessi dell’anno precedente e c’è un calo del costo sociale, un parametro calcolato dall’Istat che quantifica tutte le conseguenze negative prodotte dai sinistri con morti e feriti: nel 2011 il costo sociale sulle strade provinciali registra il valore più basso dal 2005, con una diminuzione del 12,5%, pari a circa 9,4 milioni di euro.
 
Nel 2011 si registra un aumento degli incidenti stradali del 5,7%: sono 1.749 gli incidenti stradali registrati, con 35 decessi e 2.371 feriti. Ad essere coinvolti sono soprattutto gli utenti deboli, e in particolare i ciclisti, che raggiungono il valore più alto di feriti dal 2005, e un elevato numero di decessi (7), raddoppiato rispetto al 2010.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento