menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pauroso scontro tra due auto all'incrocio tra via Venezia e via Trieste: feriti incastrati nelle lamiere

I Vigili del Fuoco sono riusciti ad estratte gli occupanti del Suv e della Seat Ibiza: le ambulanze hanno trasportato cinque persone al Pronto Soccorso

Pauroso scontro tra due auto nel pomeriggio di oggi, sabato 20 gennaio, all'incrocio tra via Venezie e via Trieste. Erano da poco passate le 16.30 quando, per cause in corso di accertamento, un Suv e una Seat Ibiza si sono scontrate violentemente, all'altezza di strada Benedetta, una laterale di via Venezia. In conseguenza dell'incidente cinque persone sono state soccorse e trasportate al Pronto Soccorso dell'Ospedale Maggiore. Secondo le prime informazioni, nonostante la spettacolarità dell'incidente, le ferite riportate dalle persone all'interno delle due auto sono lievi. Sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco che hanno estratto gli occupanti dalle lamiere: la Seat Ibiza ha fatto un giro su sè stessa dopo l'impatto con il Suv. Secondo alcune testimonianze raccolte sul posto il Suv, che si trovava all'incrocio di via Trieste, avrebbe accelerato dopo aver visto l'arancione al semaforo e si sarebbe poi scontrato con la Seat Ibiza che era intenta a girare in strada Benedetta.  Il Suv sarebbe anche salito sul marciapiede per evitare l'auto. La scena che si è presentata ai soccorritori, tre ambulanze e un'automedica, era preoccupante : la Seat è completamente distrutta nella parte anteriore. Sul posto sono arrivati gli agenti della Municipale che hanno chiuso un tratto di strada per effettuare i rilievi previsti per legge: ora dovranno ricostruire l'esatta dinamica dello scontro. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa dal 1° marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento