menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni membri dell'associazione Pantarei

Alcuni membri dell'associazione Pantarei

L'iniziativa della neonata associazione Pantarei: "puliamo il greto del torrente"

L'associazione Pantarei, promotrice dell'evento pubblico di raccolta differenziata sul greto del Torrente Parma ha scritto un racconto sull'iniziativa di salvaguardia ambientale

E' nata una nuova associazione a Parma che si chiama Pantarei: "Salvaguardia dell’ambiente e cura della persona, evoluzione, crescita olistica, espansione e rinascita nella consapevolezza delle nostre intelligenze cognitive sono alcune delle parole chiave del Progetto Pantarei" questa una breve sintesi di quello che vuole portare avanti l'associazione.  

Per inaugurare il progetto i membri dell'associazione hanno voluto organizzare una prima iniziativa nel segno dell'ambiente: una camminata lungo il torrente con pulizia e raccolta differenziata lungo il greto. L'evento è stato patrocinato dal Comune e da Iren.

Qui il racconto della giornata scritto direttamente dai volontari:

Il 15 Maggio u.s. in quattro di noi soci abbiamo proceduto come da programma a un intervento di raccolta differenziata che è risultata considerevole, calcolando che eravamo in pochi per le tante defezioni dell’ultimo minuto dovute alle previsioni meteo e che a un primo sopralluogo non pareva ci fosse troppo da fare.

Si è iniziato il percorso sotto il nuovo ponte di via Europa e a parte la radura a vista che abbiamo trovato abbastanza in ordine, sotto una delle arcate il degrado è apparso notevole: vive un senza tetto (presumibilmente giovane se era la persona uscita in bicicletta di gran carriera quando siamo sopraggiunti) e intorno alla sua sorta di capanna con letto a baldacchino ogni genere di scarto: bottiglie, piatti, coperchi, plastica varia una siringa e soprattutto feci e carta igienica ovunque ... Va be' quella è vero è biologica  ma…. Poi al ritorno sotto un'altra arcata un gruppo famiglia di 20 persone predisponeva  una grigliata ….lasciandoci immaginare all'indomani cosa ci si sarebbe trovato perché in generale l’educazione civica al riguardo è scarsa.

Vogliamo comunque segnalare in particolare la situazione dei senzatetto e capire cosa la nostra società può fare per offrire l’assistenza necessaria a queste persone e intanto indagare anche quante vivono nascoste sul greto, perché un altro lo abbiamo trovato sotto il Ponte Italia, ultima tappa.

A parte questa zona iniziale però dobbiamo ammettere che il resto del percorso ci è apparso abbastanza ben curato intanto per gli interventi settimanali dell’Iren, a quanto dichiarano i suoi stessi operatori, ma anche per le opere di manutenzione costanti degli stessi abitanti di quella sponda.

Riteniamo però, in seguito ad alcune opinioni raccolte strada facendo, che ancora molto si può fare per una maggiore bonifica del greto: sembra infatti che soprattutto la riva opposta (per intenderci quella di viale Toschi e seguenti) sia impraticabile da molto tempo per la crescita eccessiva di piante infestanti, principalmente il poligono secondo quanto diceva qualcuno della zona, ma anche altre sparse un po' ovunque e poi ci hanno indicato punti di ammassamento di detriti sepolti dalle erbacce che sarebbero lì da prelevare da tempo, e per quello è necessario che si attivino mezzi di raccolta come ruspe o quant’altro utile allo scopo.

Ecco che  si pensa, alla luce di questa recente esperienza di organizzare, in quanto possibile, una collaborazione fattiva tra Comune Ambiente /Iren/ Pantarei per  riuscire non solo a continuare puntualmente l'opera di raccolta differenziata, ma anche eseguire dei lavori più importanti di giardinaggio e quindi divellere dapprima le erbe infestanti e magari impiantare in seguito altri tipi di flora benefica e così rendere praticabile il Torrente su entrambi i lati.

Sarebbe anche l’occasione di applicare nuovi sistemi per la coltivazione e la salute delle piante e delle acque che si basa sull’impiego dei fermentati, sperimentati e conosciuti in diversi campi da una nostra socia.

Per finire alcuni cittadini dell’oltretorrente hanno accolto con grande piacere la nostra iniziativa dandoci anche consigli e fornendoci importanti suggerimenti e in particolare una signora nell’ultimo tratto si è aggregata, fornendoci un concreto aiuto nella raccolta. Oltre che utile la nostra esperienza è stata portata a termine con certo entusiasmo, anche perché ci ha fatto scoprire da quella prospettiva , angoli sconosciuti e veramente affascinanti della nostra bella città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Oggi il Dpcm: le scuole a Parma verranno chiuse?

  • Attualità

    Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

  • Cronaca

    Vaccinazioni per gli over 80: lunedì tra disagi e ritardi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento