Iren, uffici occupati. Il senatore Pagliari: "Problema drammatico, ho incontrato gli attivisti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Appena venuto a conoscenza dei fatti avvenuti nella sede Iren, il Senatore Pd Giorgio Pagliari si è recato nello studio del Questore di Parma dott. Giuseppe Racca, con il quale ha avuto un breve colloquio, e insieme al quale ha incontrato i protagonisti della contestazione, che si trovavano negli spazi della Polizia di Stato in attesa di essere identificati. Il Senatore Pagliari ha dunque ascoltato direttamente dai contestatori le ragioni della protesta e ha partecipato al confronto tra questi e il questore. Primo obiettivo raggiunto, la fissazione di un incontro tra rappresentanti dei manifestanti e vertici di Iren previsto per il prossimo lunedì. Nel pomeriggio, allo scopo di favorire la fissazione dell'incontro, il Senatore Giorgio Pagliari ha cercato di contattare telefonicamente il direttore generale della multiutility Andrea Viero.

“Il problema sollevato oggi dai manifestanti è generale e non limitato solo a quanti questa mattina si sono recati negli uffici di Iren – afferma il Senatore Pagliari – E' poi un problema reso drammatico dalla crisi con la quale devono fare i conti tanti italiani e di cui devono farsi carico anche le società privatizzate. La privatizzazione non elimina la responsabilità sociale in relazione a servizi fondamentali come acqua, luce e gas. Mi aspetto un intervento concreto e determinante del Comune di Parma dopo le dichiarazioni di disponibilità a nome della maggioranza del consigliere comunale Fabrizio Savani”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento