Babbo Natale tra i bimbi malati di leucemia, l’impegno dell’associazione Rinascita

L'impegno dell'associazione Rinascita per i bimbi affetti da leucemia in Moldavia. Ludmila Furtuna: "Speriamo che presto per questi bambini le terapie diventino gratis e i genitori non siano più costretti a vendersi la casa per pagarle"

Una storia difficile da raccontare quella di Sandu, un bambino moldavo che ha lottato con tutte le sue forze per sconfiggere la malattia ma che nonostante la voglia di vivere e l’energia che ha sempre trasmesso alla sua famiglia non ce l’ha fatta morendo di leucemia a soli cinque anni. La sua famiglia non aveva le risorse economiche per pagare la terapia e grazie all’impegno dell’associazione italo moldava Rinascita è stato organizzato per lui un concerto al circolo colombofilo di strada dei Mercati a Parma nel marzo scorso nella speranza di riuscire a raccogliere fondi da inviare alla sua famiglia per favorire la terapia. Purtoppo però per Sandu non c’è stato nulla da fare, come lui altri bambini affetti da leucemia in Moldavia non hanno una famiglia in grado di garantire loro le cure adeguate. Nella speranza di trovare un modo di aiutarli l’associazione Rinascita si batte da mesi per cercare di raccogliere i fondi da destinare alle cure mediche per i piccoli pazienti, come per il piccolo Stas, un bambino affetto da leucemia che l’associazione sta cercando di aiutare destinando quanto raccolto per il ciclo di terapia a cui è sottoposto.

Ma non si tratta solo di cure mediche, come racconta Ludmila Furtuna, uno dei soci fondatori dell’associazione italo moldava. “Prima delle feste abbiamo desiderato far sorridere questi bambini. Sono bambini molto forti, stanno combattendo la più grande sfida della loro vita. Sono solo da ammirare. Io personalmente mi emoziono tanto davanti a loro e gli auguro tutto il bene possibile. Assieme a un'altra Associazione della Repubblica Moldova "Esti cit Daruiesti" abbiamo organizzato una festa di Natale per i piccoli pazienti del reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale della capitale Chisinau. Babbo Natale è arrivato in reparto portando regali per tutti. Sono rimasti contenti e il loro sorriso unico ci ha trasmesso tanta forza. Noi facciamo quello che possiamo, ma purtroppo non basta. Nel nostro paese a questi bambini serve sostegno per la terapia”. “Spero –  conclude Ludmila Furtuna che un giorno questi bambini possano accedere alle cure gratis e i loro genitori non siano più costretti a vendere la casa per poterle pagare”. Per avere maggiori informazioni sulle modalità per sostenere in concreto le terapie è possibile contattare direttamente l’associazione Rinascita all’indirizzo email: ass.rinascitaparma@hotmail.it.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento