'Ndrangheta, operazione dei Ros contro la cosca Acri-Morfo: arresti anche a Parma

E' in corso da stamane una operazione dei Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Cosenza. Le accuse sono tentato omicidio, ricettazione, estorsioni, spaccio di droga, rapine e trasferimento fraudolento di valori

E' in corso da stamane una operazione dei Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Cosenza per l'arresto di 28 persone ritenute esponenti e gregari della cosca di 'ndrangheta 'Acri-Morfò di Rossano. Gli arresti vengono eseguiti a Rossano, Vigevano (Pavia), Viterbo, Parma e Cuneo. Gli arrestati sono accusati di associazione per delinquere di tipo mafioso, tentato omicidio, ricettazione, estorsioni, spaccio di droga, rapine e trasferimento fraudolento di valori. I beni sequestrati ammontano a circa 40 milioni di euro e comprendono 17 societa', 25 immobili (tra terreni ed appartamenti), 45 autoveicoli, 7 polizze assicurative, conti correnti bancari e denaro contante.

Secondo quanto riportato dall'Agi tra gli arrestati c'e' anche la moglie di Nicola Acri, il boss dell'omonima cosca di Rossano. La donna sarebbe stata inserita a pieno titolo nell'organico criminale e sarebbe intestataria di alcune societa' sequestrate in Lombardia. Il marito, Nicola Acri, era stato arrestato nel novembre 2010, a Bologna, dopo un lungo periodo di latitanza. La moglie all'epoca era insieme a lui. La cosca, secondo quanto si apprende, aveva a Rossano il monopolio della vendita di pane e caffe'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL COMUNICATO DEI ROS. Il Ros ed il Comando provinciale dei Carabinieri di Cosenza in Rossano, Vigevano, Viterbo e Parma e Cuneo hanno arrestato 28 esponenti della cosca Acri-Morfo di Rossano a seguito della misura coercitiva emessa dal gip distrettuale di Catanzaro su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia. Tra i destinatari dei provvedimenti, oltre ad esponenti dei vertici e gregari della consorteria anche un avvocato candidato al Consiglio comunale di Rossano nelle elezioni del 2011. Sono stati eseguiti anche numerosi sequestri di beni mobili e immobili, società e conti correnti. I dettagli dell'operazione verranno spiegati alle 12 durante una conferenza stampa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento