menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente del Movimento Nuovi Consumatori Filippo Greci

Il presidente del Movimento Nuovi Consumatori Filippo Greci

Nuovi Consumatori, il 12 settembre corteo contro il degrado sociale

L'associazione presieduta da Filippo Greci promuove una manifestazione lungo le vie dell'Oltretorrente per protestare contro la microcriminalità e l'inciviltà

Lunedì 12 settembre si terrà un corteo silenzioso di protesta contro la microcriminalità in Oltretorrente, promosso dal Movimento Nuovi Consumatori di Parma, presieduto da Filippo Greci, già protagonista di altre battaglie contro il degrado. La partenza della manifestazione è prevista per le ore 18 da Piazzale Inzani, il percorso proseguirà poi per Borgo Galaverna, borgo Poi, via d’Azeglio, Ponte di mezzo, Via Mazzini con l'arrivo finale in piazza Garibaldi sotto i portici del Grano. Un corteo per "manifestare e evidenziare le mancate soluzioni ai vari problemi di alcuni quartieri della citta’ ed in particolare di quello dell’Oltretorrente, ordine pubblico e sicurezza, viabilità e parcheggi insufficienti, politica commerciale e abitativa

Questa manifestazione - si legge in una nota- avrà come protagonisti solo cittadini con il desiderio di manifestare un reale e deciso cambiamento di rotta e una volontà di affermare la cultura della vivibilita’ del territorio e della legalita’ contro degrado, incivilta’ e  microcriminalita’ . Parma e’ cambiata e quasi ogni quartiere lamenta episodi di disagio sociale e microcriminalita’ a cielo aperto giorno e notte, nonostante il generoso ed encomiabile sforzo delle forze dell’ordine per contrastare episodi di criminalita’ che ormai non si contano piu’. L’esercito non e’ servito a nulla, e’ un servizio che costa al contribuente, ma che non risolve i problemi della sicurezza".

"Parma lamenta una mancanza cronica di personale delle forze dell’ordine  -prosegue il Movimento Nuovi Consumatori- che in Questura hanno lo stesso organigramma di 30 anni fa a dispetto della realta’ criminale che non e’ sicuramente quella di 30 annni fa: dal 2007 la nostra Questura non vede rinforzi di cui avrebbe disperato bisogno; a Parma la squadra volanti puo’ contare su due pattuglie, quando le autovetture non sono in riparazione, mentre nella vicina Reggio Emilia , citta’ ben piu’ piccola della nostra, le pattuglie sono addirittura cinque. E’ stato calcolato che nella sola Questura di Parma andranno in pensione nei prossimi due anni tra le 30/40 unita’ senza che ne sia stato previsto il rimpiazzo. Senza il controllo ed il pattugliamento del territorio costante a poco serviranno le ordinanze del sindaco contro il degrado e la microcriminalita’, poiche’ nelle zone degradate il commercio viene penalizzato e poi spazzato via". Gli organizzatori ricordano che non saranno ammessi emblemi o bandiere di partiti.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento