menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Laura Rossi, assessore ai servizi sociali del Comune di Parma

Laura Rossi, assessore ai servizi sociali del Comune di Parma

Aggressione omofoba, Laura Rossi e Cgil: "Gesto inaccettabile per la città"

Le prese di posizione dell'assessore ai servizi sociali Laura Rossi e della segretaria del sindacato Patrizia Maestri. "Incontreremo associazioni come l'Ottavo Colore". Rispetto della parità sul lavoro

"I gesti omofobi di qualsiasi tipo, l'utilizzo di termini razzisti e discriminatori, l'espressione di disprezzo gratuito sono gesti ignobili, da condannare e sicuramente lontani e alieni al nostro pensiero di politica e società. A questi due ragazzi, e a tutti gli individui offesi da qualsivoglia gesto razzista, va tutta la solidarietà della Giunta comunale". Lo sottolinea in una dichiarazione l'assessore ai servizi sociali di Parma Laura Rossi sull'aggressione e gli insulti da parte di un gruppo di giovani a due ragazzi che camminavano mano nella mano di fronte al Teatro Regio.

"Le dichiarazioni di solidarietà purtroppo, come è constatabile dai fatti avvenuti, non sono sufficienti - ha aggiunto Rossi -: è necessario promuovere la cultura inclusiva e solidale, la tolleranza e il rispetto delle libertà personali di tutti. Siamo dunque disponibili ad incontrare tutte quelle associazioni, come Ottavo Colore, che da anni si battono per la cultura dell'uguaglianza e dell'accettazione, per trovare un cammino comune sul quale lavorare insieme".

L'aggressione omofoba è stata commentata anche da Patrizia Maestri, segretaria generale della Cgil di Parma: "Non si può che condannare il gesto omofobo che ha colpito nei giorni scorsi una giovane coppia gay che passeggiava davanti al Teatro Regio. Un'aggressione inaccettabile per una città e per un Paese che si definiscono civili e che merita tutto il biasimo possibile. Biasimo pubblico, perché il silenzio nei confronti di chi nega la dignità e la libertà altrui rappresenta un'ulteriore offesa, forse anche più subdola e pericolosa".


Maestri ricorda che la Cgil, insieme a Cisl e Uil di Parma, é impegnata da tempo per favorire una cultura della parità e del rispetto delle diversità all'interno dei luoghi di lavoro. Non a caso è in dirittura di arrivo la firma di un protocollo di intesa con l'Unione Parmense degli Industriali per rafforzare e ribadire l'impegno reciproco a favorire la parità di trattamento in azienda, sia per quanto concerne l'occupazione che le condizioni di lavoro e di carriera fra le persone, con specifico riferimento anche all'orientamento sessuale. "Una discriminazione che finisce per essere alimentata dall' indifferenza e dalla paura di esporsi e che proprio per questo - conclude Patrizia Maestri - non deve mai passare sotto silenzio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento