Piccole Figlie: allo studio una delocalizzazione per riprendere le attività

"La direzione dell'Ospedale -si legge in una nota- ringrazia tutte le generose offerte di aiuto di volontari ma ancora non è possibile svolgere in sicurezza un lavoro manuale di spalamento"

Lo sgombero del Piano Terra

"I lavori di sgombero dal fango del piano terra -si legge in una nota- e delle pertinenze dell'ospedale Piccole Figlie sono andati avanti tutto il giorno e riprenderanno domani, con mezzi meccanici, Vigili del Fuoco e personale specializzato. La direzione dell'Ospedale ringrazia tutte le generose offerte di aiuto di volontari ma ancora non è possibile svolgere in sicurezza un lavoro manuale di spalamento. Una nuova valutazione sarà effettuata domani pomeriggio, sabato, per verificare la possibilità di accogliere i volontari nella giornata di domenica.

Intanto è allo studio l'ipotesi di delocalizzare presso altre strutture sanitarie, pubbliche o private, i servizi ambulatoriali e l'attività ospedaliera per poter riaprire a breve termine. Questo perché l'organizzazione è funzionante e tutto il personale è disponibile così come i collaboratori medici. Al momento non è possibile specificare tempi e modi, ma c'è la volontà e la determinazione di rialzarsi presto. Inevitabilmente si è però dovuto procedere alla richiesta di cassa integrazione straordinaria in deroga per tutto il personale. Una richiesta che è stata sottoscritta congiuntamente dall'azienda e dalle organizzazioni sindacali e che è già stata trasmessa alla Regione Emilia-Romagna.

Nella giornata di oggi, venerdì, il personale amministrativo con grande dedizione ha chiamato tutti i pazienti in lista d'attesa operatoria per informarli della situazione e aiutarli nel riprogrammare gli interventi in altri modi. Allo stesso modo sono stati avvisati i pazienti che avevano da ritirare i referti istologici. Questi esami così come le analisi di laboratorio e le radiografie effettuate fino a una settimana fa sono salvi e disponibili per il ritiro, da lunedì.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tanti hanno manifestato l'intenzione di effettuare donazioni. Apprezziamo molto questo affetto e vicinanza, al momento si sta studiando il canale più appropriato per ricevere il sostegno economico: appena possibile sarà comunicato. Oggi abbiamo ricevuto anche la visita, apprezzata, da parte dei parlamentari di Parma: i deputati Patrizia Maestri e Giuseppe Romanini e il senatore Giorgio Pagliari. La direzione di Hpf, assieme ai dirigenti medici dell'Hospice, ha illustrato la situazione, analizzando e discutendo con i parlamentari le possibilità di una ripresa delle attività e il sostegno che può giungere dalle Istituzioni. Ricordiamo che, per ora, il modo migliore per essere aggiornati, e rimanere in contatto diretto con noi, è seguire il sito web www.hpfparma.it oppure la pagina facebook "Emergenza Ospedale Piccole Figlie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Apre un bed and breakfast ma non comunica le generalità dei clienti alla Questura: titolare denunciata

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento