Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Non avete più un euro? Arrivano gli scec: per calmierare i prezzi

La moneta complementare potrebbe arrivare a Parma per risollevare le sorti del commercio locale, ma Pizzarotti a maggio aveva smentito la notizia. Intanto Confesercenti lancia un sondaggio su Facebook

A Parma arriverà lo Scec, la famosa moneta locale utilizzata per calmierari i prezzi? Non si sa. Sicuramente non verrà introdotta a breve. Le associazioni dei commercianti chiedono un incontro e la stessa amministrazione comunale sostiene che la valuta verrà introdotta solo dopo una discussione con i soggetti coinvolti, commercianti in primis. Appena dopo l'elezione a sindaco era uscita la notizia sulla possibilità di introdurre una moneta locale, subito smentita da Pizzarotti.

Lo Scec infatti è un sistema di valuta locale che affiancherebbe le banconote e le monete in euro e potrebbe essere utilizzato all'interno dei negozi convenzionati, che accettano di provare questo esperimento. Accanto alle consuete banconote potremo quindi avere nuove monete colorate da utilizzare esclusivamente nei negozi di Parma. Secondo gli esperti del sistema e l'assessore al Bilancio Gino Capelli lo Scec potrebbe portare un pò di sollievo all'economia locale, aiutando allo stesso tempo cittadini e commercianti.

Se per ora lo Scec è solo un'ipotesi presto potrebbe diventare realtà e allora ci troveremo ad utilizzare una nuova moneta per pagare una parte della spesa. La prima spesa sarebbe in euro, mentre una parte del resto in scec. Come si acquistano le monete? Da un rivenditore autorizzato.


Intanto Confesercenti ha lanciato un sondaggio dalla sua pagina Facebook per chiedere agli amici cosa ne pensano dell'eventualità dell'introduzione del nuovo sistema monetario locale. Staremo a vedere se l'eventuale decisione sarò condivisa con le associazione di commercianti e anche con quelle dei consumatori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non avete più un euro? Arrivano gli scec: per calmierare i prezzi

ParmaToday è in caricamento