menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giulia Innocenzi con Cristina Quintavalla

Giulia Innocenzi con Cristina Quintavalla

Servizio Pubblico a Parma: tra banche ed emergenze sociali

Come anticipato da ParmaToday il 28 gennaio la trasmissione di Michele Santoro ha mandato in onda l'inchieste di Giulia Innocenzi sulla nostra città. Tra debito pubblico ed emergenze sociali. Pizzarotti: "Dovevamo scegliere se aumentare le tasse o tagliare i servizi"

Come anticipato da ParmaToday il 28 gennaio ieri sera Servizio Pubblico, la trasmissione di Michele Santoro, ha mandato in onda l'inchiesta dell'inviata Giulia Innocenzi a Parma dal titolo 'Parma in mano alle banche'. La settimana scorsa abbiamo seguito la troupe di La7 in giro per la città. Il servizio mette in luce le contraddizioni sociali della città, che si barcamena tra un debito enorme e il taglio ai servizi sociali. Prima la fotografia della situazione della palazzina occupata di Borgo Poi, con le interviste a Roberta e Giacomo, due inquilini, e a Katia Torri della Rete Diritti in Casa e la narrazione dell'incontro con l'assessore al Welfare Laura Rossi. Alla fine è stata trovata una soluzione.

SERVIZIO PUBBLICO A PARMA: IL VIDEO

Poi la protesta del Comitato per l'acqua pubblica contro la vendita delle azioni Iren del Comune e la disanima del debito pubblico con Cristina Quintavalla della Commissione di Audit. Tra una voce e l'altra le parole del sindaco Federico Pizzarotti: "Il debito è per la maggior parte con i fornitori quindi non si può parlare di rinegoziazione del debito con le banche. Abbiamo dovuto scegliere tra tenere le tasse al massimo e tagliare i servizi essenziali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: stop ai diesel Euro 4 fino a venerdì 5 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento