menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Le mani di Vignali e Villani sull'Università? Udu: "Il Rettore chiarisca"

Dopo la pubblicazione delle intercettazioni de 'Il Nuovo di Parma' il sindacato studentesco chiede chiarimenti: "Allibiti le discussioni riguardanti i posti da assegnare ai cosidetti 'esterni"

"Oggi il settimanale "Il nuovo di Parma" -si legge in una nota dell'Udu di Parma- ha pubblicato delle sconcertanti intercettazioni degli arrestati Vignali e Villani che hanno per soggetto il Magnifico Rettore dell'Università degli Studi di Parma ed un possibile scambio di favori e poltrone legate all'ordine Costantiniano di Parma. In particolare lasciano allibiti le discussioni riguardanti i posti da assegnare ai cosiddetti "esterni" negli organi di governo dell'Università.

Nel caso in cui le accuse e gli scambi citati nelle intercettazioni risultino fondati non possiamo fare altro che esprimere estrema indignazione per la mercificazione dall'istituzione universitaria, che molto spesso dimentica il suo ruolo fondamentale di motore di cultura e conoscenza. Pertanto chiediamo a gran voce chiarimenti precisi e puntuali da parte del Rettore, già in occasione delle prossime sedute di senato accademico e consiglio d'amministrazione, nonché la garanzia della massima trasparenza nel processo che dovrebbe portare alla scelta e alla nomina del secondo membro esterno in consiglio d'Amministrazione.

Ribadiamo, ricordando le nostre battaglie contro la legge Gelmini e la modifica della composizione dei Consigli di Amministrazione degli Atenei, l'importanza dell'autonomia degli organi di governo di Ateneo e quanto la presenza di esterni in tali organi possa deviare il buon funzionamento della macchina universitaria portandovi all'interno interessi che, come dimostrerebbero le intercettazioni, nulla hanno a che vedere con i fini di questa istituzione.


A maggior ragione i "colpi di coda del Rettore", citando “il Nuovo di Parma”, relativi alla riorganizzazione del settore amministrativo e non, ci lasciano interdetti. Non si può pensare di rivoluzionare il sistema negli ultimi mesi di un mandato ormai al termine. Le scelte strategiche, come ad esempio le nuove assunzioni, dovrebbero essere materia di competenza del futuro Rettore, che si troverebbe altrimenti imbrigliato in scelte già fatte ed impossibilitato a seguire una qualsiasi forma di programmazione cui il nostro Ateneo avrebbe estremo bisogno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 134 contagi e 2 morti

  • Cronaca

    Omicidio di via Volturno: Patrick Mallardo non risponde al Gip

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento