menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Università di Parma sigla un accordo di collaborazione con la Nato

L'Ateneo è uno dei primi in Italia a firmare un accordo di cooperazione

Si svolgerà martedì 5 settembre alle 11.30 nella Sala del Consiglio del Palazzo Centrale dell’Ateneo la cerimonia di firma dell’accordo di cooperazione tra l’Università di Parma e il Comando del Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO in Italia (NATO Rapid Deployable Corps – Italy).  L’accordo di cooperazione, che ha l’obiettivo di sviluppare in modo comune studi e analisi negli ambiti di attività del Comando multinazionale NATO, sarà firmato dal Rettore vicario Giovanni Franceschini, dal Generale di Divisione Maurizio Riccò, Capo di Stato Maggiore del NATO Rapid Deployable Corps – Italy (NRDC-ITA) e da Gino Gandolfi, Pro Rettore con delega allo Sviluppo delle relazioni d'impresa e con il territorio, referente dell’Università di Parma per l’attuazione dell’intesa. L’Università di Parma è tra i primi atenei italiani a siglare un accordo di cooperazione con la NATO.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Ultime di Oggi
  • Attualità

    "Lunedì Parma e l'Emilia Romagna in zona gialla"

  • Cronaca

    Covid: novanta nuovi casi e un decesso

  • Attualità

    Vaccino: entro fine mese in arrivo 354mila dosi

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento