prantera (forza civica): "rispettiamo le regole, il tempo per le critiche può aspettare!"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

"Sono sempre stato il primo a non tollerare il terrorismo mediatico riguardo l'epidemia, sono il primo che vorrebbe ritornare alla vita di un tempo, sono il primo che vorrebbe che tutto ciò fosse solo un incubo. Ma sono diviso a metà, perché pur ammettendo che la situazione non sia minimamente paragonabile a quella di Marzo sostengo che non bisogna abbassare la guardia perché in caso di un nuovo lockdown molta persone e molte attività potrebbero ufficialmente dichiararsi finite! Io conosco la sensazione di perdere il lavoro a causa del covid-19, mi è capitato a marzo ed ho passato mesi nella più assoluta povertà, senza soldi, senza speranze, seppur con tanto di titolo di studio. Oggi sono risorto, ho trovato un lavoro che seppur non sia al massimo delle mie ambizioni mi da la possibilità di ripartire e ritrovare la dignità persa nei mesi scorsi, perché senza lavoro la dignità è il primo elemento che viene a mancare. Nonostante per il momento le possibilità di un nuovo lockdown siano scongiurate, la paura dentro di me non cessa. E' facile parlare per chi ha tutto a disposizione, ed è altrettanto vero che fino a quando non c'è il morto in famiglia per covid molti non hanno sensibilità nei confronti della pandemia, ma è anche vero che ci sono persone tutelate dalla cassa integrazione che hanno una situazione decisamente migliore di quelli che se perdono il lavoro muoiono di fame e di dignità. Per questo lancio un appello di prudenza a tutti quanti, sono convinto che siamo un grande Paese ma che allo stesso tempo dobbiamo restare coesi. Aiutandoci a vicenda sconfiggeremo questo male, ma pensando di avere sempre la verità in tasca non arriveremo da nessuna parte. Rispettiamo le regole, il tempo per le critiche può aspettare." Alberto Prantera, associazione culturale Forza Civica Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento