Alla casa della musica Il maggio di Accettura

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Continua alla Casa della Musica l'esplorazione all'interno del grande continente della "Musica Popolare", offerto dal programma di "Parlare (di)Musica": l'appuntamento è per il prossimo giovedì 3 aprile alle ore 18, e sarà come sempre a ingresso gratuito: ha per titolo "Il Maggio di Accettura", e sarà tenuto da Nicola Scaldaferri, don Giuseppe Filardi e Stefano Vaja.

La festa del Maggio di Accettura, in Basilicata, è uno dei principali riti arborei italiani e costituisce un oggetto classico degli studi degli antropologi. Durante l'incontro sarà presentato presentano il volume "I suoni dell'albero". Nel volume, a cura di Nicola Scaldaferri e Steven Feld, il rito arboreo del Maggio di San Giuliano (Accettura, Matera) di cui si ricostruiscono le complesse dinamiche di festa, viene per la prima volta indagato a partire dalla sua ricchissima componente sonora: strumenti tradizionali, bassa musica, canti, rumori, parlato. Un suggestivo paesaggio sonoro documentato dai 2 cd allegati al testo. Il ricco apparato fotografico, che aggiunge un importante contributo sul piano della documentazione visiva, è ad opera di Stefano Vaja e Lorenzo Ferrarini.

Ancora un incontro da non perdere, dunque, del quale si ricorda che l'ingresso è gratuito. Per ogni ulteriore informazione è possibile rivolgersi alla Casa della Musica (P.le S. Francesco, 1 - 43121 Parma, tel. 0521 031170 - infopoint@lacasadellamusica.it; www.lacasadellamusica.it; info@parlaredimusica.it; www.parlaredimusica.it.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento