Appello della Fondazione Tommasini: "Arresti domiciliari per Tanzi"

Il presidente Bruno Rossi: "Per quanto pesanti siano i reati imputanti a Tanzi, essi non possono comportare in una società civile una condanna alla tortura o alla pena di morte"

La Fondazione Mario Tommasini, a nome del suo presidente Bruno Rossi, ricordando le battaglie di Tommasini contro le iniquità della situazione carceraria italiana, fa un appello alle autorità per la concessione degli arresti domiciliari a Calisto Tanzi.
“Per quanto pesanti siano i reati imputanti a Tanzi” dichiara Rossi, “essi non possono comportare, in una società civile, una condanna alla tortura o alla pena di morte. Naturalmente lo stesso appello riguarda anche tutte le altre persone, che non godono della notorietà di Tanzi, ma che stanno vivendo la stessa disumana condizione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

TANZI RICOVERATO ALL'OSPEDALE MAGGIORE
IL TRIBUNALE: "TANZI RESTA IN CARCERE"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento