rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca

Finiscono in questura dopo una rissa in viale Mariotti, poi aggrediscono i poliziotti: arrestati due tunisini e un connazionale minorenne

Per uno è scattata la misura degli arresti domiciliari presso una comunità di Parma mentre per l’altro l’obbligo di firma. Applicata al minorenne la misura del collocamento in comunità

Finiscono in questura dopo una rissa e poi aggrediscono gli agenti: arrestati due tunisini pregiudicati e un connazionale minorenne. E' accaduto giovedì scorso. I fatti: alle 22 gli agenti arrivavano in viale Mariotti per la segnalazione di una rissa in atto, indentificando cinque stranieri presenti che discutevano animatamente tra loro. 

Dopo aver riportato la calma, gli agenti in divisa procedevano a controllare tutti i presenti. Essendo privi di documenti utili alla loro identificazione, venivano condotti in Questura per essere fotosegnalati. Sin dalle prime fasi dell’intervento tre dei cinque soggetti accompagnati in Questura manifestavano condotte non collaborative. Peraltro, durante le procedure di identificazione e redazione degli atti a loro carico, uno di questi (un minorenne tunisino irregolare sul territorio) alzandosi improvvisamente dalla sedia dove era stato fatto accomodare, si scagliava contro un poliziotto.

Da piazza Ghiaia al Cinghio: la mappa delle baby gang a Parma

Analogamente, gli altri due ragazzi, un 18enne e un 20enne entrambi tunisini pregiudicati, di cui uno irregolare, tentavano di ingaggiare una colluttazione con gli altri poliziotti. Con non poche difficoltà, i tre soggetti venivano immobilizzati con le manette.  A seguito della colluttazione, tre agenti hanno riportato lesioni con prognosi pari a quattro giorni ciascuno.  Per questa ragione al termine delle attività di fotosegnalamento effettuato dalla Scientifica e al termine delle formalità di rito i tre venivano tratti in arresto per il reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. 

Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, i due stranieri maggiorenni venivano condotti in carcere, e all’esito dell’udienza di convalida tenutasi oggi i due arresti sono stati convalidati. Per uno è scattata la misura degli arresti domiciliari presso una comunità di Parma mentre per l’altro l’obbligo di firma alla P.G. dal lunedì al venerdì. 

Coltelli, droga, sangue e violenza: la mappa delle baby gang in provincia

Il minorenne, invece, è stato portato al centro di prima accoglienza di Bologna. A seguito dell’udienza di convalida, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale per i minorenni di Bologna ha convalidato l’accompagnamento e ha disposto che allo stesso fosse applicata la misura del collocamento in comunità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finiscono in questura dopo una rissa in viale Mariotti, poi aggrediscono i poliziotti: arrestati due tunisini e un connazionale minorenne

ParmaToday è in caricamento