Maltempo, dalle ore 5 fase di allarme per la piena del fiume Taro

La Protezione Civile dell'Emilia-Romagna ha attivato, da stamattina martedì 11 novembre alle ore 5, la fase di allarme per la piena del fiume Taro relativamente ai Comuni di Fronovo, Collecchio, Fontanellato, Fontevivo, Noceto, Medesano, Roccabianca, Parma, San Secondo Parmense e Sissa-Trecasali

La Protezione Civile dell'Emilia-Romagna ha attivato, da stamattina martedì 11 novembre alle ore 5, la fase di allarme per la piena del fiume Taro relativamente ai Comuni di Fronovo, Collecchio, Fontanellato, Fontevivo, Noceto, Medesano, Roccabianca, Parma, San Secondo Parmense e Sissa-Trecasali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"A seguito delle diffuse e intense precipitazioni -si legge nell'allerta- che hanno interessato il bacino idrografico del fiume Taro si prevedono significativi innalzamenti dei livelli idrometrici. Pertanto,sentito il parere di AIPO E ARPA-CF, si attiva la fase di allarme, per i comuni in indirizzo. Sono possibili allagamenti di aree golenali e limitrofe ai corsi d'acqua con potenziale interessamento di  abitazioni, cantieri e attività. Si raccomanda l’attivazione delle azioni previste, per questa tipologia di allertamento, nel Protocollo d’intesa  Regionale del 15 ottobre 2004 e nelle disposizioni organizzative di cui alla D.G.R. 962/2009 e nei protocolli o piani di emergenza definiti a livello settoriale, provinciale o comunale. Si raccomanda inoltre: di attivare ogni possibile azione per il monitoraggio della situazione in atto e per preparare eventuali interventi urgenti; di segnalare l'evoluzione dell'evento e le connesse indicazioni per la salvaguardia della pubblica incolumità a chi risiede o svolge attività nelle aree a rischio; di dare seguito alle indicazioni operative e supportare l'azione dei Servizi Tecnici di Bacino, AIPO e Consorzi  di Bonifica; di mantenere costantemente aggiornati il Centro Operativo Regionale, la Prefettura e la Provincia, secondo  quanto previsto dalla pianificazione provinciale e comunale di emergenza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • Influenza: a Parma il primo caso in un bimbo di 9 mesi

  • Coronavirus: a Parma 15 nuovi casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento