Gilda sull'accordo tra scuola e Ausl: "Gli insegnanti all'oscuro, progetto non valido"

L'associazione Gilda Insegnanti interviene in merito alla firma dell'accordo tra gli istituti scolastici e l'Ausl. Secondo l'associazione l'accordo non essendo stato condiviso con gli insegnanti non si può ritenere valido dal punto di vista giuridico

L'associazione Gilda Insegnanti interviene in merito alla firma dell'accordo tra gli istituti scolastici e l'Ausl. Secondo l'associazione l'accordo non essendo stato condiviso con gli insegnanti non si può ritenere valido dal punto di vista giuridico.

"Siamo alle solite, - si legge nella nota inviata da Gilda - anche per iniziative in merito alle quali ci potrebbe essere tranquillamente una piena condivisione, coloro che rappresentano l’amministrazione scolastica Parmense, pur essendo ex insegnanti che oggi rivestono la qualifica di “dirigente scolastico” (presidi), riescono a fare in modo che gli unici a rimanere all’oscuro di novità che riguardano la scuola siano proprio i docenti, che per queste cose sono rappresentati dalle organizzazioni che ne curano la rappresentanza collettiva.

Un atteggiamento continuamente reiterato, che qui a Parma oramai ha assunto contorni imbarazzanti.  A mezzo stampa hanno reso noto di aver firmato un accordo con l’Ausl, che stando alle notizie pare essere una buona idea, ma è assurdo che  i rappresentanti di chi a scuola dovrebbe attuare quanto è stato convenuto non sappia nulla di ciò, bastava mandarci una semplice mail riassuntiva, esplicando come si prevede di coinvolgere il personale scolastico. Quando si firmano questi  accordi, la normativa contrattuale prevede che ci sia una “informativa preventiva”, che come al solito non c’è stata. L’accordo firmato con l’Ausl, mancando quest’adempimento, è privo di effetti giuridici.

Salvatore Pizzo, coordinatore provinciale della Gilda degli Insegnanti (Federazione Gilda Unams), ricorda che questa è la quarta volta in pochi mesi che assistiamo ad un comportamento del genere: “Prima con il protocollo sulla somministrazione dei farmaci nelle scuole sottoscritto con la Provincia, redatto senza coinvolgere chi le medicine dovrebbe darle ai ragazzi. Nemmeno il rinnovo di una qualcosa di gradito e condiviso, come il rinnovo del progetto Giocampus, si sono ricordati di dirlo prima ai docenti, nelle settimane scorse lo hanno fatto con il cosiddetto “Patto per la Scuola” sottoscritto con il Comune di Parma. A questo punto appare sembra una precisa posizione di politica scolastica, se così fosse gli eventuali referenti politici del territorio lo dicano chiaramente, terremo presente alle prossime elezioni regionali”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Il Covid uccide per il secondo giorno consecutivo, muore un uomo: otto casi in più

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Maxi rissa con i coltelli all'alba all'ex Salamini, quattro feriti: due gravi al Maggiore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento