rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Sport

Vigilia contro lo Spezia, Pecchia: "Benek ha la febbre, domani voglio grande impeto"

L'allenatore del Parma in conferenza stampa: "Creiamo tanto e non segniamo. Alle volte mi piacerebbe tirare tre volte e segnare quattro gol"

Ripartire: vincendo, se possibile. Per mandare un messaggio chiaro al campionato e per dire che il Parma è solo inciampato in questo grande percorso fatto fino a qui. Fanno impressione le due gare senza vittoria, proprio per quanto fatto precedentemente, almeno fino alla sosta. Pecchia però ha chiaro l'obiettivo: "Dobbiamo giocare a calcio, anche quando l'avversario ti costringe a farlo in modo sporco. Bisogna rimboccarci le maniche. L'anno scorso mi ricordo entrambe le partite contro D'Angelo: due gare che gridano vendetta sia all'andata che al ritorno contro il Pisa. Lasciamo perdere", spiega l'allenatore in conferenza stampa. Evidentemente c'è un conto aperto con il collega e domani potrebbe essere l'occasione giusta per dare un giro di vite. Ma non è il momento di parlarne. "Domani mi aspetto una partita molto simile a quella con il Modena, almeno nella disposizione tattica. Giovani di qualità, ma io penso a quello che siamo noi, a quello che vogliamo fare noi. Voglio vedere 24 giocatori pronti a lottare, dobbiamo affrontare una partita con grande impeto". 

A livello di scelte, a Pecchia mancherà Sohm per squalifica e Benek per la febbre. "Domani mi aspetto una partita molto simile a quella con il Modena, almeno nella disposizione tattica - spiega l'allenatore del Parma -. Hanno giovani di qualità, ma io penso a quello che siamo noi, a quello che vogliamo fare noi. Voglio vedere 24 giocatori pronti a lottare, dobbiamo affrontare una partita con grande impeto".

La rabbia post Modena, per episodi discutibili a livello arbitrale, sembra essere alle spalle: "C’è poco da smaltire, prendere atto della prestazione e delle tante cose fatte bene. Ci siamo solo preparati per quella che è la prossima gara. Non mi preoccupa nulla, sono concentrato solo sul nostro cammino e su quella che è la nostra strada, sulla voglia di migliorarsi e di cercare sempre di fare meglio le cose. Il mio obiettivo è quello di costruire un gruppo forte e lavorare su di noi. Lavoriamo sul nostro modo di giocare abbiamo fatto un’ottima strada e vogliamo continuarla a fare. Avremo un avversario diverso, con un ambiente diverso. Io voglio concentrarmi sulla nostra immagine e sul nostro modo di essere e di giocare. Charpentier sa mettersi a disposizione della squadra, mi piace come entra in campo e interpreti la partita. Sono contento quando la squadra crea tanto, abbiamo tirato tanto, è vero, ma ci sono state anche tante occasioni che non abbiamo sfruttato. Alle volte mi piacerebbe tirare meno, magari tre volte e segnare quattro gol". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilia contro lo Spezia, Pecchia: "Benek ha la febbre, domani voglio grande impeto"

ParmaToday è in caricamento