Marco Bosi (Parma in Movimento): "Ancora menzogne dal Comune"

Sulle dichiarazioni dell'assessore Broglia in merito a Parma sesto comune più virtuoso d'Italia in materia di conti pubblici

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Oggi il comune di Parma, sul suo sito istituzionale, sfoggiava un comunicato stampa a firma dell'assessore Broglia in cui si sostiene, su dati de "il sole 24 ore" che Parma sia il sesto comune più virtuoso d'Italia in materia di conti pubblici. Quello che lo stesso Broglia non ha il coraggio di dire è che se Parma è riuscita a far apparire il bilancio in salute è solo grazie a delle manovre contabili che hanno portato i debiti e le spese sulle società di proprietà del comune stesso, che però non rientrano nella valutazione del patto di stabilità.

La "spada di Damocle" come la chiama Broglia con evidente accezione negativa altro non è che una legge che chiede ai comuni che erano in passivo di migliorare il proprio saldo finanziario per ridurre l'indebitamento. Broglia pensa che sarebbe stato meglio continuare a indebitarsi lasciando alle future generazioni l'ennesimo problema da risolvere? E' sotto gli occhi di tutti che fino all'entrata in vigore del patto i comuni di maggiori dimensioni non hanno tentato in alcun modo di ridurre il debito, come non lo stanno facendo ora. L'unica differenza è che ora lo si prova a nascondere attraverso le partecipate nel tentativo di riacquisire credibilità e consenso nei confronti di una cittadinanza che è conscia e stanca di questo modo di gestire la cosa pubblica nell'interesse di pochi.

Invitiamo l'assessore Broglia a redigere un bilancio consolidato con le partecipate, come richiesto espressamente dalla corte dei conti, per mostrare alla cittadinanza la reale situazione in cui versa il nostro comune. Se non verrà fatto al più presto anche Broglia, come Vignali, dovranno lasciare il loro incarico. Il commissariamento a questo punto pare l'unica strada per fare chiarezza sulla situazione.


Marco Bosi
Parma in Movimento

I più letti
Torna su
ParmaToday è in caricamento